Precariato Sociale

Di nuovo in fondo alle classifiche: solo la metà dei ventenni naviga in internet.

Se vogliamo credere alle rigide statistiche europee, eccoci ancora una volta stanziali a fondo dell'ennesima classifica sulla navigazione in rete accanto a Cipro e Bulgaria. La ricerca appena pubblicata da Eurostat, il cervellone statistico dell'Unione, parla in generale dell'uso di internet in Europa nel primo trimestre del 2007: qui i ragazzotti danesi, svedesi e olandesi la fanno da padrone, e praticamente al 100 per cento navigano, si scambiano materiali e scaricano con il peer-to-peer, mandano e-mail, si telefonano con il VoIP. Oltretutto la loro situazione non cambia di molto anche quando l'età della pensione l'hanno già superata da un po'.

Unone Europea divisa su orario di lavoro e interinali

I ministri del lavoro dei 27 approvano la flexicurity. Ma su orario di lavoro e diritti dei lavoratori interinali, la Gran Bretagna fa ostruzionismo.

 Nulla di fatto, i ministri del lavoro dei 27 non hanno trovato un’intesa sulla direttiva sull’orario di lavoro e nemmeno su quella sui diritti dei lavoratori interinali, due dossier sotto trattamento comunitario ormai da diversi anni. «Il risultato è molto deludente - ha detto il commissario al lavoro Vladimir Spidla - sono preoccupato perché questi temi sono importanti per la costruzione dell’Europa sociale». Destino assai diverso, quasi radioso, per il testo sulla flessicurezza che ha superato ieri il vaglio ministeriale e procede spedito verso il vertice dei capi di Stato e di governo del 14 dicembre. La Confindustria applaude al cammino spedito.

Concorso online per cercare il precario più precario di tutti, in Spagna

concorso precario spagnaScatta la selezione per eleggere chi guadagna meno, con il contratto più breve e alle condizioni peggiori

Che vinca il peggiore: quello che guadagna meno, ha il contratto più breve, alle condizioni più infelici e con minor prospettive. E poi San Precario, aiutalo tu! Un vero e proprio concorso, indetto dall’organizzazione giovanile di Izquierda Unida, partito di area comunista, cerca tra i giovani madrileni di 16-30 anni l’ultimo tra gli ultimi nella scalata a un posto di lavoro decente.

IN SPAGNA I PRECARI PIU' PENALIZZATI - Se è vero ciò che sostengono gli istituti di ricerca e cioè che i giovani spagnoli sono tra i più penalizzati in Europa, sotto l’aspetto della tutela sindacale e delle speranze di stabilità, la selezione non sarà facile. Ogni curriculum della precarietà sarà analizzato da una giuria composta da sindacalisti e rappresentanti delle associazioni giovanili locali e trattato con riservatezza per scongiurare ritorsioni dai datori di lavoro, per quanto scarso e sottopagato. L’iniziativa è ovviamente un primo passo nella campagna elettorale del partito, ma secondo gli organizzatori servirà a sorridere delle gavette del terzo millennio, almeno per un giorno, il 15 febbraio, quando saranno proclamati i vincitori del concorso, intitolato “Volver a empezar” (Ricominciare).

Syndicate content

Cerca negli archivi

« Marzo 2014  
Lu Ma Me Gi Ve Sa Do
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31